Home > Articolo

Riprovaci Toro

Alessandro Santamaria - Blog - 13-09-2016 19:49 - 339 letture

Che gol su punizione!

Solite vecchie abitudine, o meglio, solite brutte vecchie abitudini. Il Toro è colpito da alcuni infortuni importanti però questo non può e non deve essere usato come alibi. La partita di Bergamo ha pienamente mostrato che non si può puntare sulle seconde scelte. Martinez dà poca consistenza, Maxi Lopez è lontanissimo dal Maxi che ricordiamo 2 anni fa. Baselli e Benassi possono fare molto di più considerando le loro qualità. Il problema grosso è che, come al solito, ci facciamo male da soli. Fare un gol di punizione, cosa che non accadeva da troppo tempo, e ritrovarsi in vantaggio fuori casa è un’occasione che va assolutamente sfruttata. Non si possono subire 2 gol in quella maniera. Il primo gol, tralasciando Hart che poteva fare sicuramente meglio, Masiello è stato lasciato completamente libero di agire. Tutto questo dopo appena 1 minuto dal nostro vantaggio. Atteggiamento giusto di Mihajlovic che ha messo 4 punte per vincere la partita, perché è quella la mentalità che dobbiamo avere. E complimenti a Boyè che ogni volta che viene chiamato in causa mostra buone qualità oltre che una prestanza fisica degna di nota. Il secondo gol ha del clamoroso. Subire un “ contropiede” (un 2 contro 5!) e commettere quel fallo da rigore, è davvero assurdo. De Silvestri ha dalla sua parte una buona esperienza per questo ciò che ha fatto è inspiegabile. Insomma, va bene gli infortuni ma questi gol esulano da tale discorso. Si deve fare di più, soprattutto se sei una squadra ambiziosa come il Toro che vuole ambire all’europa. Fuori casa contro squadre come l’Atalanta, assolutamente alla nostra portata, vanno almeno pareggiate. L’atteggiamento dell’allenatore è quello giusto. Ora sta ai giocatori stare più attenti in fase difensiva. E che la fortuna ci assista un po’ di più.
FVCG

Ciao, anche a te piace scrivere e rimanere sempre aggiornato sul Torino? Collabora con noi di TuttoGranata!

COMMENTI

ULTIMI ARTICOLI

ARTICOLI DI ALESSANDRO SANTAMARIA